• Via Oltrecolle, 209 - Lipomo
  • (+39) 031 262427

ELCO SRL


Impianti, sistemi, consulenze antintrusione e rilevazione incendio

La Elco Srl fu fondata nel 1971 rivelandosi una tra le aziende pioniere nel settore della sicurezza elettronica e degli impianti d’allarme (antifurto, antintrusione, rilevazione incendi e fughe di gas, sistemi tv a circuito chiuso, controllo accessi). Elco si avvale dell’esperienza acquisita in oltre 30 anni di presenza nel mondo della sicurezza per garantire un servizio sempre migliore, adeguato alle novità del mercato e alle esigenze della propria clientela. Utilizza materiali e procedure ormai consolidati assicurando affidabilità e un altissimo livello di sicurezza nella realizzazione dei propri impianti. Ha ottenuto la più importante certificazione nazionale da parte dell’istituto marchio di qualità IMQ a garanzia della serietà e della professionalità del proprio personale tecnico. Importanti aziende, centri commerciali, enti pubblici, ospedali, abitazioni private sono protetti da un impianto Elco.

“ELCO…NOI NON CREDIAMO PIÙ ALLE FAVOLE.”


Globalizzazione, crisi economica, evoluzione dei mercati, giochi di finanza creativa, diminuzione del potere di acquisto delle famiglie e molte cattive abitudini proprie di un società abituata a sotterfugi e a piccoli e fastidiosi espedienti: essere convinti di fare sempre un affare e, alla fine, non saldare i propri debiti. Tutti questi sono gli ingredienti che hanno portato il mercato italiano e, in particolare, quello locale, a una costante caduta libera fino alla disgregazione delle piccole aziende che non siano legate ai soliti ambienti della moda e del cibo. Giorni fa, su un giornale locale, fu pubblicato un articolo in cui si faceva il panegirico di un evento fieristico dell’elettronica e, considerati i tempi, si poneva l’attenzione sugli impianti di sicurezza (gergalmente, l’antifurto! – sembra molto fantozziano). Quello che ha attirato la nostra attenzione, così come cartelloni pubblicitari e offerte stile “mercato delle vacche”, è la frase: “con soli 500 euro potete “bunkerizzare” la vostra abitazione”. Da profani e naïf quali siamo in Elco, ci siamo posti questa semplice domanda: “Possibile che l’utente abbia ancora voglia di essere preso per il naso? Dopo anni di “prezzi folli” e di “tutto al costo” (o sottocosto), la “gente” non si è accorta che il detto “chi meno spende più spende” ha ancora una enorme rilevanza? Spesso riceviamo chiamate di utenti, che non sono nostri clienti, i quali chiedono se siamo in grado di intervenire su particolari marche e, naturalmente, sia perché lo siamo sia perché sarebbe un peccato rinunciare a un’opportunità di lavoro, rispondiamo affermativamente. La frase tipica più ricorrente è: “non riesco più a contattare chi me lo ha installato”. Il concetto è chiaro: si paga poco, chi ha effettuato il lavoro con più o meno maestria e con materiali più o meno accettabili, intasca il malloppo e si rivolge al successivo cliente trascurando le proprie responsabilità in fatto di garanzia, continuità del servizio (soprattutto notturno e festivo…e chi toglie le gambe da sotto il tavolo la sera della vigilia di

Natale o durante il cenone di Capodanno o a ferragosto mentre si fanno i gavettoni?), certificazioni, serietà e professionalità. Cosa che stupisce ancor di più, è che, in questa Europa delle regole, delle certificazioni e dei disciplinari, sia le aziende sia i privati non prestano attenzione alle idoneità tecnico-professionali, ad eccezione di rari casi, e non riconoscono la professionalità di aziende strutturate, con personale tecnico competente ed esperto e, naturalmente, con costi nettamente superiori necessari, soprattutto grazie alla fallimentare politica degli ultimi 50 anni e, non da ultimi, i sindacati, per pagare stipendi, contributi, annessi e connessi del personale dipendente.
E poi ci scandalizziamo se le piccole aziende licenziano! Tutto ciò premesso, veniamo a noi. Dopo anni di esperienza (e sono ben 42!), è lecito da parte nostra cercare di motivare ciò che proponiamo e non ciò che va contro il buon senso o a discapito della nostra credibilità o della fiducia accordataci dal Cliente. Il mercato della Sicurezza, sì la Sicurezza con la S maiuscola in cui, nonostante il periodo, crediamo ancora, ci conduce a sostenere e a ripetere sempre più spesso – repetita juvant – e con maggior enfasi che gli impianti non sono semplici elettrodomestici e non hanno intrinseche proprietà magiche o taumaturgiche, ancor meno che abbiano una vita propria e del tutto autosufficiente: gli impianti così come tutto il mondo dell’elettronica, della meccanica e che sia soggetto a usura di qualsiasi genere, necessita di cure, di manutenzione e di una gestione oculata da parte dell’utente finale; purtroppo, ci si è assuefatti allo standard proprio delle produzioni cinematografiche in cui, con un semplice schiocco delle dita, telecamere e computer risolvono casi, permettono di scoprire il colpevole ancor prima che questo colpisca (e non sempre è il maggiordomo), rintracciano volti e veicoli con la sola forza del pensiero della bellissima super-sexy-poliziotta che finge di digitare

qualcosa su una tastiera. Ma la realtà è ben lungi da rispecchiare quelle che sono le caratteristiche proprie del mondo fantasy o fantascientifico o dei ciarlatani. Meglio restare con i piedi per terra!

Ebbene, Elco, così come moltissime aziende italiane, ha subìto numerose trasformazioni e cerca sempre di “stare sul pezzo”:

  • Per Elco, il rapporto con il Cliente e la storica “stretta di mano” hanno ancora un valore che si è tramandato da padre in figlio e, per tradizione, anche i nostri collaboratori condividono una simile filosofia;
  • Aggiornamento del personale e delle soluzioni;
  • Professionalità;
  • Etica e morale professionali e personali;
  • Rispetto del Cliente;
  • Proposte concrete, razionali, ponderate e su misura;
  • Responsabilità;
  • Garanzia di continuità del servizio post-vendita;
  • Servizio di reperibilità notturna e festiva.

Riuscite a trovare tutto questo su siti di vendita on-line o rivolgendovi alle aziende che propongono il “tutto incluso” a € ..,99? Riuscite a convincere uno smartphone o un pc a prendere l’auto, arrivare dal cliente e salire su una scala, nel mezzo della notte, per disattivare una roboante, assordante e tossica sirena che, ormai, ha rovinato il sonno del vicinato? Riuscite a smuovere l’”imbradipito” operatore di un call center o di una delle tante scatole cinesi in cui è suddivisa la multinazionale o la mega-realtà industriale per assecondare i vostri desideri in base a necessità vere o presunte? Confidiamo in una risposta negativa. E voi?